L’inghippo della “clausola di coscienza”

"Il medico che rifiuta di dare la ‘pillola del giorno dopo’ alla donna che gliela chiede non può poi disinteressarsi al caso, ma deve attivarsi per aiutare la paziente a trovare il contraccettivo di emergenza in tempi ragionevoli e appropriati". Questa la posizione ufficiale della Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo). "L’obiezione di coscienza addotta a giustificazione del rifiuto, come racconta l’articolo – chiarisce il presidente della Fnomceo Amedeo Bianco – non esiste, sotto il profilo giuridico, in altre fattispecie all’infuori dell’aborto o di alcune tecniche di fecondazione assistita". Diversamente, spiega all’Adnkronos Salute, "in questi casi esiste solo una clausola di coscienza, che però non esaurisce i doveri del medico".

 

Così riportava lo scorso 5 febbraio Adnkronos Salute.

 

Ma che cos’è la clausola di coscienza?

Continue reading “L’inghippo della “clausola di coscienza””

Vita da gettonista

Lo scorso 8 aprile il quotidiano francese Libération ha pubblicato un articolo sulla situazione dell’Ivg in Italia, poi ripubblicato sul numero 739 di Internazionale. L’articolo comincia con la storia di un gettonista, cioè uno degli operatori sanitari esterni che vengono chiamati dalle strutture ospedaliere per supplire alla presenza di obiettori e garantire l’Ivg.

Continue reading “Vita da gettonista”

Tutto cominciò nel 1976, a Seveso…

Nel luglio 1975 con la legge 405 vennero istituiti i consultori familiari e fu conseguentemente soppressa l’Opera Nazionale Maternità e Infanzia – Onmi – fondata da Mussolini. Con questa legge si cominciò a parlare di «maternità responsabile», «procreazione responsabile», «tutela della salute della donna e del prodotto del concepimento», promozione dei metodi anticoncezionali (art.1), pur essendo una legge centrata sulla coppia eterosessuale e sulla famiglia più che non sulla donna. Le femministe criticarono aspramente la medicalizzazione che la legge introduceva, a fronte dell’autogestione della salute che andavano promuovendo.

 

Continue reading “Tutto cominciò nel 1976, a Seveso…”

Interruzione di gravidanza: cosa fare, quando e dove

L’anticoncezionale non ha funzionato, il preservativo si è rotto… oppure nessuno/a ti ha mai dato informazioni corrette ed esaurienti su come funziona il tuo corpo e su come è possibile evitare di rimanere incinte.

In ogni caso solo tu hai il diritto di decidere se hai le risorse affettive, psicologiche ed economiche per diventare madre oppure no. Se non sai cosa fare, puoi trovare aiuto e supporto nei consultori pubblici, negli spazi autogestiti dalle donne, nei consultori privati laici. Qui di seguito alcune indicazioni.

Continue reading “Interruzione di gravidanza: cosa fare, quando e dove”

Ogo: una campagna delle donne per le donne

La campagna Obiettiamo gli obiettori, nata da una intuizione del
collettivo femminista Maistat@zitt@ di Milano, è stata fatta propria
dall’assemblea delle femministe e lesbiche tenutasi a Roma il 23-24
febbraio ’08 ed è stata immediatamente rilanciata in diversi territori
da vari gruppi di donne, dal Friuli alla Sicilia.

Obiettiamo gli obiettori è una campagna delle donne per le donne. Poiché il tema della libera scelta riguardo alla maternità si inserisce in quello più ampio dell’autodeterminazione delle donne, referenti della campagna sono i collettivi femministi e lesbici e le singole che si stanno battendo per l’affermazione di questo diritto e vogliono costruire un ponte con chi lavora nei consultori e all’interno dei reparti di ostetricia e ginecologia garantendo l’interruzione volontaria di gravidanza.

L’interruzione di gravidanza evidenzia la contraddizione tra sessualità femminile e maschile, per questo il contributo maschile alla campagna può essere soltanto la radicale messa in discussione del proprio comportamento sessuale.  Continue reading “Ogo: una campagna delle donne per le donne”

Ivg: richiama, sarai più fortunata

Gli ospedali milanesi, fiore all’occhiello della sanità lombarda? Sicuramente non quando si tratta dell’Ivg.

Una nostra compagna, armata di tanta pazienza, ha cercato di avere informazioni sull’Ivg telefonando ai vari ospedali pubblici milanesi: questo il resoconto, che rende ancora più evidente quanto il diritto di una donna di usufruire dell’interruzione di gravidanza si scontri con ogni genere di intralcio compresa la vaghezza delle informazioni.

Continue reading “Ivg: richiama, sarai più fortunata”